ACCADEMIA STRUMENTALE ITALIANA - Teatro Comunale di Monfalcone
Stagione 2022-2023

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 24 MARZO 2023 ORE 20.45
Progetto Bach

ACCADEMIA STRUMENTALE ITALIANA

Rossella Croce violino
Alberto Rasi viola da gamba soprano e direzione
Claudia Pasetto viola da gamba tenore
Paolo Biordi viola da gamba bassa
Michele Zeoli violone
Luca Guglielmi organo

L’ARTE DELLA FUGA

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)
L’Arte della Fuga BWV 1080
per violino, quattro viole da gamba e organo
dall’autografo Mus. Ms. Bach P 200

foto

foto di

Il testamento-capolavoro di Johann Sebastian Bach, che lo occupò nell’ultimo decennio di vita, viene proposto in un’inedita quanto suggestiva versione per violino, viole da gamba, violone e organo.
È musica scritta per organo – esecuzione preferita dalla maggior parte dei musicisti – ma il manoscritto autografo bachiano de L’Arte della Fuga conservato a Berlino offre una libera interpretazione rispetto all’organico, legittimando l’esecuzione per consort di viole, secondo una consuetudine del tempo che bene interpreta l’ultima fase creativa del genio tedesco.
L’Accademia Strumentale Italiana si basa su quel manoscritto e non sulla prima edizione a stampa, con la quale Bach ebbe poco o nulla a che fare, essendo frutto esclusivo del lavoro congiunto di suoi figli e allievi.La combinazione di viole e organo permette a esecutori e pubblico di confrontarsi con un tipo di strumentazione varia, sviluppando un senso di alternanza e varietà timbrica più accentuato che permette di apprezzarne la compiutezza e perfezione contrappuntistica.
L’Arte della Fuga è un’opera dal carattere intimo e modernissimo che ritrova, nel rigore dell’Accademia Strumentale Italiana, la magia di un suono perduto.

m2223 12b