Stagione 2021-2022

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MERCOLEDÌ 2, GIOVEDÌ 3 MARZO 2022 ORE 20.45

BARTLEBY LO SCRIVANO

di Francesco Niccolini
liberamente ispirato al racconto di Herman Melville
regia di Emanuele Gamba
con Leo Gullotta
e con (in ordine di apparizione) Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci
scene di Sergio Mariotti
costumi di Giuliana Colzi
luci di Marco Messeri
Arca Azzurra

foto

Foto di Luca Del Pia

Nel 1851 Melville scrive Moby Dick, grande storia romantica di un titano di nome Achab che affronta e sfida l'assedio di un oceano oscuro. Due anni dopo scrive Bartleby, lo scrivano, e tutto sembra essersi calmato. Spenti i fragori dei marosi, siamo a Wall Street, ai febbrili inizi di quello che diventerà il più spietato sistema finanziario del mondo.
L'ossessionato e ossessivo capitano si è trasformato in Bartleby, l'ultimo dei marinai arruolato, capace però di mettere in crisi un sistema di cui non riconosce il valore positivo. Mentre tutti procedono aggressivi e baldanzosi, forse colpevolmente ignari, fra nuove ricchezze e nuove schiavitù, l'ultimo entrato in scena si mette di traverso e avvia un inesorabile processo dubitativo di disgregazione di un mondo malato che si nutre di numeri e algoritmi.
Bartleby, nella voce e nel corpo di uno straordinario Leo Gullotta, è l'eroe dell'inazione e della non violenza, è il titano della grazia leggera che dice “non in mio nome”.
Mentre cerca il raggio di sole che una volta al giorno entra nel suo ufficio-sepolcro, Bartleby è un seme che eroicamente grida sottovoce il proprio diritto alla scelta e alla libertà, e si fa filo d'erba in mezzo al cemento, contro tutto ma per tutti.

p2122 10b